Innato il dubbio

almerighi

Aggiungeremo miele al sapore di chiodi?

Un perbenismo cristallino
taglia, emerge dalla pelle
erosa nello sbattimento
per l’agognato consenso.

La scarpetta rossa è in ordine,
lucidata di fresco ma con disonore.
Le pagine patinate della rivista
con foto di bambini schiavi
in questo modo il lezzo non si avvicina
e nemmeno si intuisce.

Musichette melanconiche e cosi belle?
Che pensare dei discorsetti di circostanza
in sottofondo, insomma
quelle brutte cose non si fanno,
non per principio, perché non è carino.

Rimane innato il dubbio
sulla parte ospitante i carnefici,
sulla perfezione delle matrigne,
e quanto sia gentile intrattenersi al bar
per un cappuccino dopo il diluvio.

View original post

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s